Cassino, clochard “sfrattati”. Quanto durerà?

Facendo seguito all’ordinanza del sindaco Enzo Salera relativa a disposizioni in materia di decoro e sicurezza urbana, la Polizia Locale, in raccordo con i Servizi Sociali del Comune ha provveduto a far sgomberare le aree pubbliche e di pubblico passaggio occupate da persone senza fissa dimora. La società De Vizia si è interessata di ripulirle dai giacigli di fortuna ricavati da materassi, cartoni, indumenti vari, oltre ovviamente di liberarla dai rifiuti sparsi nei dintorni.

Uomini e donne separati e sistemati

I Servizi sociali si sono rivolti alla Casa della Carità per l’ospitalità degli uomini senza fissa dimora, cui sarà assicurato vitto e alloggio. Per le donne, invece, poiché in tale struttura sita nell’ex ospedale “Gemma De Bosis” è previsto solo il ricovero per maschi, il Servizio Sociale del Comune ha individuato una struttura diversa e si sta operando per la soluzione del problema.

Il sindaco: aiutare va bene, ma anche tutelare la città

Il sindaco ricorda che da parte dell’amministrazione c’è stata e ci sarà l’attenzione e il sostegno di cui queste persone hanno bisogno. Così come si deve a chi si trova in tali difficili condizioni. “A loro sarà assicurato, così come dovuto – aggiunge Enzo Salera – un aiuto e una assistenza rispettosa della dignità della persona. Ricordo però che è tra i doveri di un sindaco quello di tutelare la convivenza civile e la coesione sociale, oltre naturalmente la vivibilità nel centro urbano ove si presentano situazioni siffatte, compromesse dalla presenza di rifiuti, dall’assenza dei servizi minimi essenziali e dal crescente degrado”.

Clicca qui per leggere ulteriori notizie

Lascia un commento