Lazio, Istituita la giornata in memoria delle vittime delle Marocchinate

Approvato in consiglio regionale l’emendamento al Collegato al bilancio 2021 che prevede l’istituzione della “Giornata in memoria delle Marocchinate”. Il 17 maggio di ogni anno dunque ci saranno nel Lazio le celebrazioni in memoria delle vittime.

Gli obiettivi

L’obiettivo, tra l’altro contenuto in una dettagliata proposta di legge che aveva depositato il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone con il contributo di Moira Rotondo, già vice sindaco del Comune di Pontecorvo ed oggi coordinatrice cittadina di Forza Italia e coordinatrice provinciale di Azzurro Donna, è quello di far conoscere e ricordare, soprattutto alle nuove generazioni, i tragici episodi di violenza sessuale e fisica nei confronti delle popolazioni civili verificatisi nel mese di maggio del 1944. In particolare nelle province di Frosinone e Latina, a danno di decine di migliaia di donne, uomini e bambini, di cui si macchiarono gli appartenenti al famigerato CEF (Corpo di spedizione francese in Italia).

La conoscenza può combattere l’ignoranza

«Spetterà ora alla giunta regionale, – ha detto Simeonesentita la commissione consiliare competente, definire, con propria deliberazione, il programma della “Giornata in memoria delle Marocchinate”, i relativi contenuti, le iniziative e le modalità di svolgimento delle stesse. Nonché la relativa copertura economica. Con questo emendamento abbiamo messo un punto ad anni di oblio e di silenzio rispetto ad una delle pagini più atroci della nostra storia recente. Solo la conoscenza può combattere l’ignoranza. Ed impedire concretamente che eventi analoghi macchino la storia delle future generazioni».

Un risultato storico

«Incredulità, gioia, orgoglio, soddisfazione, commozione – ha detto Moira Rotondo e infine la consapevolezza di aver raggiunto un risultato storico. Ci abbiamo lavorato, creduto, abbiamo sofferto quando l’obiettivo sembrava allontanarsi. Ma oggi abbiamo finalmente potuto esultare come se avessimo vinto una medaglia olimpica. Un grazie sincero a Pino Simeone, che è stato semplicemente eccezionale e a tutta la grande squadra di Forza Italia che mi ha sempre incoraggiato e sostenuto. E a tutti gli amici e le amiche che con me hanno combattuto questa battaglia di civiltà in questi lunghi anni. Ma in una giornata storica come questa il mio pensiero va prima di tutto alle marocchinate, alle vittime di quella barbarie che da oggi sarà ricordata ogni anno, come la shoah, come le foibe. Avevamo preso un impegno, quello di non dimenticarvi. Ebbene, non sarete dimenticate! »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *