Salera e la “sindrome dell’annunciazione“

«I soliti spot e gli annunci populisti di Salera.
Oramai siamo abituati ad un Sindaco che nasconde la sua incapacità amministrativa e politica con spot elettorali.
Dispiace che questa volta l’argomento sia serio e meriterebbe rispetto. Stiamo parlando del dramma che vivono gli afgani che fuggono o tentano di fuggire da un paese in eterna guerra. E cosa fa Salera, “annunciazione” “annunciazione”
». Attacca a testa bassa Benedetto Leone, senza fronzoli e senza remore.

I corridoi umanitari

«Ospiteremo le famiglie Afgane”. “Apriamo i corridoi umanitari”. Demagogia e populismo, – affonda il colpo Leonespot per raccogliere manciate di like sui social. La verità è che i corridoi umanitari sono materia governativa, e non comunale, e sono di una delicatezza estrema, in quanto come ha dichiarato il Ministero degli Esteri in questo momento non sono attuabili perché significherebbe consegnare al governo talebano elenchi di persone e famiglie, ovvero vere e proprie liste di proscrizione».

Secondo il consigliere comunale inoltre, sull’accoglienza delle famiglie afgane in fuga, Salera forse non ha letto la nota del Servizio Centrale del Sistema Accoglienza e Integrazione di Anci che invita gli enti ad evitare spot elettorali in questo momento delicato e ad interagire con i gestori dei progetti Sprar. Operatori competenti in materia di accoglienza richiedenti asilo politico.

La sindrome dell’annunciazione

«Il ministero degli interni – conclude Leoneha comunicato che sono quasi cinquemila le famiglie accolte nel Nostro paese come richiedenti asilo politico e sono tutt’ora in accoglienza presso i centri di Caritas, Emergency. C’è prudenza da parte delle autorità governative sulle modalità e tempistiche di dislocazione e accoglienza in centri accreditati al sistema di protezione. Non servono spot di piccola propaganda, almeno in questo momento. Quando terminerà per Salera la la sindrome “dell’annunciazione”?.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *