Centrodestra: «La città vive al buio. Salera & Co si svegliassero»

Cassino al buio. E’ ormai una triste realtà, che sembra però non interessare gli inquilini del palazzo comunale. L’amministrazione non batte nessun colpo, nonostante le sollecitazioni. «Si parla tanto di sicurezza, di chiarezza, di fare luce… intanto buona parte della città vive al buio. E, nonostante le richieste di intervento, le uniche risposte che arrivano sono… ah no, non arrivano risposte». Il Centrodestra commenta sarcasticamente le condizioni in cui versano buona parte delle periferie e delle frazioni della città. completamente immerse nel buio anche alcune strade del centro.

Furti e ronde dei cittadini

«Questa amministrazione – spiegano i rappresentanti di Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Cambiamo e Cassino Protagonistacontinua a parlare di interventi, di danni causati dagli operai che stanno installando la fibra ottica. Danni che avrebbero richiesto addirittura settimane di controlli per risalire al punto preciso in cui i cavi sono stati recisi, come per Sant’Angelo. Ma vogliamo parlare di Sant’Antonino, dove i residenti da mesi combattono con ondate di furti e dove sono i cittadini a organizzarsi con le ronde? Molti di loro hanno provveduto a illuminare le aree a ridosso della proprie abitazioni e i viali».

Buio anche in centro

Dice ancora il centrodestra: «Non solo periferie, anche in centro, al buio una parte di via Pascoli, quasi tutta via Leopardi e via Ponari, tratti di via Di Biasio, viale Bonomi e via Garigliano. Qui non si parla di grandi lavori, ma di manutenzione ordinaria. La responsabilità di queste mancanze non può essere neanche riconducibile all’assenza dell’elettricista del Comune, che si trova a casa in convalescenza». Tanto meno si può continuare a dire che sono «in corso lavori di efficientamento», perché sono mesi che la situazione non cambia di una virgola».

«Basta continuare con il gioco dello scaricabarile: – concludono Lega, FdI, FI, Cambiamo e Cassino Protagonista – è necessario dare delle risposte, non a noi, ma ai Cittadini che vivono disagi quotidiani. Sarebbe ora che Salera e compagni si svegliassero e cominciassero ad amministrare questa città. E se per caso si sono accorti di non saperlo fare, rassegnassero le dimissioni. Subito».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.