La replica che vorrei

In un mondo ideale c’è la comunicazione bidirezionale. Questa avviene quando sono presenti due o più persone che parlano e si ascoltano al fine di scambiare informazioni vicendevolmente.

Normalmente funziona così: se qualcuno ti dice qualcosa che non condividi hai due soluzioni da percorrere:

  1. Rispondere direttamente all’interessato, ribattendo punto per punto le argomentazioni;
  2. ignorare la persona ed il suo messaggio.

L’amministrazione comunale ha scelto la prima strada, afferma che c’è disinformazione, che falsi comunicatori dicono cose non vere.

Come mai allora questi “cattivi comunicatori” continuano a dire cose che l’amministrazione dice che non sono vere?

Questi “cattivi comunicatori” sono oltre che cattivi anche idioti a riportare notizie senza alcun fondamento?

Come mai allora se le notizie sono senza alcun fondamento nessuno le ha smentite con prove e fatti, ma solo con dirette Facebook presso SocialTV “non TV” dichiarando il contrario di quello che su questo blog viene dimostrato come vero attraverso i documenti e le dichiarazioni ufficiali?

Come mai gli imbecilli di turno che si trincerano dietro uno pseudonimo destano tanta preoccupazione al Sindaco che deve andare presso una SocialTV “non TV” a smentire degli imbecilli?

Qual è quindi l’interesse politico di un Pubblico Ufficiale nel dover smentire degli imbecilli? Forse è necessario per lui contrastare politicamente delle affermazioni politicamente fondate? Non è che per caso questi imbecilli scrivono cose vere? Così vere da dover essere smentite?

Non è che il Sindaco vuole spianare la propria strada verso un futuro da influencer partecipando a SocialTV “non TV”? E queste partecipazioni anche se di mezz’ora, non sono minuti preziosi tolti alla nostra bella città che ha bisogno di fatti concreti?

Non è che forse questi imbecilli anonimi, tanto anonimi non sono se è alla portata di tutti scoprire chi sono? Visto che nemmeno la denuncia fatta e le certificazioni fatte dalla Polizia di Stato sull’identità degli imbecilli sono bastate al mandatario per capire che politicamente sta sbagliando strategia?

Da queste pagine del blog continuerete a leggere sempre fatti certi e verificabili da chiunque, proteggiamo con l’anonimato chi scrive dalle “truppe cammellate” di chi, pur di dire che ha ragione, screditerebbe il post additando lo scrittore come politicamente influenzato.

Invece questo blog è apartitico e apolitico, e sopratutto per rassicurare chi afferma che scriviamo perché non abbiamo altro da fare, sappia che per noi è puro divertimento oltre il lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.