Chi di blog ferisce, di blog perisce.

Fare comunicazione è un lavoro che molte persone fanno “autovalutando” la loro professione sulla base della longevità della loro attività: “Faccio questo lavoro da così tanto tempo che evidentemente lo faccio bene”.

Questo concetto non è sempre valido, perché arriva il giorno in cui qualcuno solleva i lassismi ed i “ma sì, che fa?” che rendevano il lavoro duraturo ed inizia a porre domande sul perché le cose debbano andare in una direzione piuttosto che in un altra.

Questa mattina si è tenuto il Consiglio Comunale sulla Sanità, tanto atteso viste le vicissitudini e le difficoltà in cui versa il nosocomio di Cassino. “Ridotto” a non poter operare se non le emergenze. La voglia di sapere come andrà a finire, pareggia l’interesse da parte della politica. Per questo gli organi di stampa ufficiali, ma anche (come dice qualcuno) la stampa abusiva ha interesse a diffondere il più possibile le notizie a riguardo.

A tal proposito, la conferenza dei capigruppo del Consiglio Comunale di Cassino, prima del Consiglio Comunale, ha deciso che oggi un BLOGGER (l’unico) non poteva effettuare la diretta del consiglio stesso.

Il BLOGGER indignato, ha espresso il suo disappunto su Facebook attraverso una diretta fatta non appena ricevuta la comunicazione, asserendo che la sua presenza e la sua attività di streaming sarebbero state interessanti per la città e di pubblico interesse ai fini della democrazia dalla quale non si può venir meno.

Bloggemocrazia

Potremmo ritenere antidemocratica la scelta della commissione dei capigruppo nel non consentire al BLOGGER di fare la diretta, ma invece va interpretata in maniera diversa. Infatti, decidendo di non ammetterlo hanno garantito il principio di “o tutti, o nessuno”.

Riteniamo democratico informare i cittadini attraverso un radio-blog su Facebook, un blog come Cassino Notizie, un video-blog come Tanfuk. Allora perché alle domande di Tanfuk non è stata data risposta a margine dell’evento della CGIL? Perché l’invito ad effettuare gratuitamente la diretta del consiglio comunale non sono stati invitati anche Cassino Notizie e Tanfuk?

La democrazia “è una brutta bestia” rende uguali tutti, prima o poi.

1 commento

Ma se Egidio Franco è l’unico che ha fatto le dirette di tanti consigli e si presenta solo lui ogni volta, serve forse un invito? La data del consiglio comunale è resa pubblica (di solito dagli organi di informazione “ufficiali” o, se preferite, “veri” e chiunque poteva presentarsi. Non sono l’avvocato difensore di Egidio, ma questa polemica la trovo sterile. Dove erano tutti gli altri che volevano fare la diretta?

Lascia un commento