Cassino, dove anche la “monnezza” può diventare arredo urbano

Gooood morning Vietnam, a no, non è il film magistralmente interpretato da Robin Williams. E’ la città martire. Buongiorno Cassino! Rifiuti sparsi qua e là, carrellati colmi nei pressi delle attività commerciali. Puzze e disagi sotto balconi e finestre e nei pressi delle sedi di alcune associazioni. tante le segnalazioni, le lamentele. Tutte, o quasi, finite come i sacchetti.

Piazza Garibaldi: una situazione ingestibile

In piazza Garibaldi la situazione poi è davvero “confortante”. Tutti i turisti che arrivano numerosi in città con il treno, tutti i pendolari che ogni giorno sono costretti alla trafila di partenze e arrivi, tutti gli studenti lo sanno. Una bella “platea” che si ritrova uno spettacolo degno del migliore degli artisti: cumuli di rifiuti colorati, 3D e “très puzzolent” – così un per fare un po’ d’ironia.

A chi spetta vigilare?

Problemi che esistono e insistono da tempo immemore ma che nessuno si prende la briga di risolvere. Chi dovrebbe farlo? Se lo chiedono i cittadini. Spetta alla ditta che si occupa del servizio? Spetta al Comune? Spetta a chi dovrebbe sollecitare e non lo fa? Spetta ai cittadini incivili? A…spetta e spera viene da dire. Vedi vedi che alla fine spetta a chi da anni ormai si applica a differenziare e a pagare tasse salvo poi trovarsi piramidi irregolari di “monnezza”.

Clicca qui per leggere ulteriori notizie

Lascia un commento