Teatro Manzoni, applausi a scena aperta per Maurizio Casagrande

Applausi a scena aperta, risate e tantissima buona musica. Lo show di Maurizio Casagrande “E la musica mi gira intorno” al Cinema Teatro Manzoni di Cassino è stato davvero un successo con oltre 500 persone in sala. Una grandissima e vivace platea quindi per il secondo spettacolo ufficiale della stagione teatrale 2021/2022.

Viaggio in musica

Tra musica e sketch esilaranti Maurizio Casagrande ha condotto il pubblico in un viaggio attraverso la sua vita: in un primo momento restio a continuare il percorso di suo padre, Antonio, attore, si appassiona alla musica, imparando a suonare la batteria e il pianoforte. Fonda anche una band.  L’esordio al teatro avviene casualmente, quando gli viene chiesto di sostituire uno studente nella scuola di recitazione di suo padre. In quell’occasione Nello Mascia nota la sua bravura e predisposizione. Si appassiona così anche al mondo dello spettacolo e costruisce la sua carriera da comico e attore.

La storia della musica

Tre ore di racconto articolati in vari passaggi di epoche e di stili. Gli Anni ’50: L’incontro dei i suoi genitori, tra le canzoni dei Platters e il Quartetto Cetra fino ad Elvis Presley. Gli anni ’60: La sua infanzia tra canzoni divertenti e demenziali (Viva la pappa col pomodoro, Vengo anch’io…). Poi gli Anni ’70: La gioventù dell’artista è segnata dalla musica e dalla batteria. Ed ecco che Casagrande si posiziona davanti al suo strumento e dà il tempo alla band in un madley dove si cimenta, con successo, in pezzi che hanno fatto la storia della musica, come Smoke on the water dei Deep Purple, la celebre We will rock you dei Queen e la coinvolgente Rosanna dei Toto.

Seguono gli anni ’80: l’esordio a teatro e le prime esperienze della vita accompagnati dai successi di quegli anni (Andamento lento, e le canzoni di Vasco). Si arriva poi agli Anni ’90: dove Casagrande racconta i suoi amori (sempre in chiave comica), attraverso i grandi successi di Zucchero Fornaciari.

Maurizio Casagrande intervistato dall’editore Enzo Pagano

Il gran finale

Si arriva al gran finale dove l’attore, sulle note di “Depende” dell’indimenticabile Jarabe De Palo, lascia lo spettatore con una riflessione: nella vita tutto dipende dal punto di vista.

Uno spettacolo che è stato apprezzato da tutti e che ha tenuto incollato alle poltrone centinaia di spettatori. Il prossimo appuntamento con la stagione teatrale 2021/2022 del Cinema Teatro Manzoni è per il 18 dicembre alle ore 21. Sul palco della rinnovata struttura gestita da RadioCassinoStereo salirà Lello Arena che porterà in scena la divertentissima commedia di Carmine Amoroso, Parenti Serpenti.

Per leggere altre notizie clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *