Servizio Civile, Leone:«Anche Maccaro ha l’annuncivite»

Nuovo attacco social del consigliere Benedetto Leone alla maggioranza guidata dal Sindaco Enzo Salera. A farne le spese questa volta è l’assessore alla Coesione Sociale Luigi Maccaro, che oggi ha parlato su facebook di un progetto di Servizio Civile che il Consorzio dei Servizi Sociali realizza presso il Comune di Cassino.

«No Luigi Maccaro. Che mi combini. Fino a ieri rappresentavi un sano anticorpo alla sindrome “dell’annuncivite saleriana”, – ha postato sul suo profilo Leonee oggi invece, l’hai presa anche tu».

La superficialità

«È vero che il Servizio Civile fa bene a chi lo fa e alla città, – affonda il consigliere comunale –peccato però che nei fatti, a causa della vostra superficialità nel guidare la macchina amministrativa:

  1. Cassino è entrata nella Black List del Ministero della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale;
  2. Il Dipartimento ha sospeso per gravi inadempienze il servizio civile passato;
  3. Quest’anno non avete presentato alcun progetto. Grazie alla progettazione del 2019, Cassino ha avuto oltre 40 ragazzi nel 2020;
  4. Avete affidato per 10mila euro la progettazione del prossimo anno ad una società pugliese, quando prima era interna al comune».

Gli anticorpi

«Bene che il Consorzio del Cassinate vi sia venuto in soccorso, – ha continuato Leone – ma Male è farne propaganda sapendo del fallimento della progettazione e della esecuzione del precedente. No Luigi, ritorna in te, ritorna ad essere gli anticorpi sani a questa sindrome “saleriana” dell’ “annuncivite perenne».

«D’altronde hai dimostrato di averli quando hai affrontato il tema della sicurezza, della violenza e del degrado in città, anche quando la tua amministrazione parlava di oasi felice. Gli stessi anticorpi che hai mostrato quando hai ammesso sulla stampa di non aver autonomia nel tuo assessorato, ecco, ritorna in te Luigi, – ha concluso – lascia questa sindrome a loro. Riappropriati di questi anticorpi e magari anche della guida libera ed autonoma dell’Assessorato dei Servizi Sociali».

Per leggere altre notizie clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *