L’Associazione Codici, stavolta utilizzando il sistema di conciliazione paritetica, è riuscita a risolvere un altro caso molto particolare attinente un consumatore di Esperia che aveva accumulato un debito di circa 7000 euro con il gestore del servizio idrico.

L’utente non riusciva a venire a capo di questo debito relativo ad un piccolo stabile in centro storico disabitato da anni. Il caso particolare ha voluto che ci fosse una strada pubblica a separare il contatore dall’abitazione e che il tubo di collegamento avesse subito una perdita nel lontano 2012 facendo aumentare i consumi a dismisura ma anche il conguaglio tariffario 2006/2011 calcolato appunto sui consumi 2012.

Il consumatore, difeso dal Segretario Provinciale di Codici Avv. Giammarco Florenzani, è riuscito a ricostruire insieme al gestore del servizio idrico gli interventi tecnici realizzati in passato e quindi a ricalcolare tutti i consumi.

Un lieto fine per il consumatore che così si è visto ridurre il debito da circa 7000 euro a circa 200 euro: “Ogni utenza idrica ha una storia a sé – dichiara l’Avv. Giammarco Florenzani, Segretario Provinciale di Codici e difensore del consumatore di Esperia – importante è comprendere tempestivamente quale è l’effettiva problematica dell’utenza che fa aumentare i consumi e così riuscire prima risolverla e poi a ricostruire i consumi insieme al gestore”. Lo comunica Giammarco Florenzani, Segretario Provinciale di Codici.
Source: Esperia – Bolletta da 7mila euro, risolutivo l’intervento di Codici