Parole accorate e che commuovono chi le legge. Il post, pubblicato sui social da uno dei figli dei due pensionati massacrati a martellate da un folle, è struggente: “Mamma e papà stanno male ma le loro condizioni sono stazionarie. Sono state vittime di una violenza che lascia senza fiato, Spero che quanto prima di possa tornare a quella normalità che gli è stata orribilmente negata. Grazie di cuore a tutti per le testimonianze di affetto e vicinanza”.

Una vicenda che ha lasciato sotto choc un’intera comunità dove in molti conoscono M.T. di 74 anni, ex dirigente Telecom e la moglie A.P. di settantuno anni, ex impiegata in una clinica privata. Gente mite e perbene che è stata costretta, loro malgrado, a doversi confrontare con un dramma senza fine. A colpire i due coniugi con numerose martellate alla testa, al volto ed agli arti, è stato un trentenne di Sant’Elia Fiumerapido, A.D.C che si è invaghito, ma senza essere corrisposto, della futura nuora dei due pensionati. Il folle ha quindi scelto di aggredire i genitori del presunto rivale a mo di punizione. Un piano diabolico che non ha avuto un tragico epilogo solo grazie al tempestivo intervento di un vicino di casa svegliato dalla grida disumane e dalle richieste di aiuto provenienti dall’appartamento al primo piano di via Cellini. Quando è entrato in casa ha messo in fuga il trentenne che è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Cassino. Domani mattina sarà interrogato dal Gip alla presenza del suo legale di fiducia, l’avvocato Mariano Giuliano. Le vittime sono invece assistite dall’avvocato Francesco Malafronte.

Angela Nicoletti
Source: Cassino – Pensionati massacrati a martellate, il figlio: i miei genitori stanno male